Il Carnevale in Generale


Home

Le Maschere

Il Carnevale in Italia

Il Carnevale nel Mondo

Filastrocche e Poesie

I Dolci

La parola deriva forse dal latino carrus navalis  o dal latino tardo carnem levare, tagliare la carne della dieta (in osservazione al divieto cattolico di mangiare carne durante la Quaresima) ; dal latino medievale carnem laxare , "lasciare la carne" , deriv˛ anche la forma "carnasciale",da cui il termine letterario quattrocentesco canti carnevaleschi.      
Pur non avendo il carnevale nessun collegamento con la liturgia cristiana, essendo un residuo di istituzioni pagane,tradizionalmente coincide con i giorni precedenti alla Quaresima. Nell' Europa meridionale comincia la domenica precedente il Mercoledý delle Ceneri, inizio della Quaresima e finisce il martedý successivo, detto martedý grasso (dall'uso di consumare un pasto a base di carne e grassi prima della dieta di magro della Quaresima).
I festeggiamenti hanno origine molto remota e si ricollegano ad antichi riti pagani.
Una forma di Carnevale esisteva nella Roma pagana: era la festa di Saturno. per l'occasione venivano organizzati cortei al suono di strumenti molto rumorosi, con la partecipazione del popolo che si riversava nelle strade e nelle campagne e si ingozzava a pi¨ non posso di cibi e di vino. La maschera, attualmente segno di beffa di trasgressione e di divertimento, nella civiltÓ precristiane era considerata strumento atto a conferire a chi la indossava un potere sovrannaturale o la forza degli animali sacri.
Solo inseguito all' avvento del cristianesimo i riti del Carnevale persero l' originario carattere magico-rituale per diventare semplice occasione di divertimento popolare e simbolica affermazione dell' ordine del mondo.
Il desiderio di far baldoria almeno una volta l'anno Ŕ sempre stato vivo nell'uomo, e cosý, a poco a poco, sia pure senza gli eccessi di prima, il Carnevale rifiorý.